Mar, 14 Maggio 2019

Vi siete mai chiesti quanto consuma un edificio?

Avete presente quanto è semplice informarsi sui consumi di un’autovettura? Se in fase d’acquisto si può consultare la stampa specializzata, in fase di utilizzo non c’è autovettura che non abbia un piccolo computer di bordo che visualizzi su un display i consumi di carburante istantanei o riferiti a un certo periodo di tempo. Conoscere i consumi è un incentivo ad adeguare il proprio comportamento in senso virtuoso, un’azione che ha un effetto benefico non solo sul bilancio famigliare, ma anche sull'ambiente, grazie a minori emissioni di gas inquinanti e clima-alteranti.

 

 

Verificare i consumi: semplice con un’autovettura, ma con un edificio? 

Differentemente da quanto avviene con un'autovettura, non è facile essere informati sui consumi di un edificio. Eppure nei paesi dell’Unione Europea oltre il 40% dei consumi totali di energia finale è dovuto proprio agli edifici. Dopo decenni d’incremento dei costi energetici, ora direttive e norme europee e leggi italiane spingono finalmente verso una maggiore efficienza energetica e richiedono di informare gli utenti finali. In più, da qualche anno, gli edifici stessi stanno evolvendo verso la digitalizzazione e quindi offrono un’infrastruttura particolarmente adatta alla trasmissione e alla visualizzazione dei dati di consumo. La misurazione dei consumi in effetti non rappresenta una novità. Da decenni le utilities per l’elettricità, l’acqua potabile, il gas o il teleriscaldamento per la fatturazione del servizio rilevano individualmente i consumi per mezzo di contatori. In tempi di risorse energetiche sempre più scarse e con prezzi crescenti la misurazione dei consumi assume però un'importanza che va oltre la fatturazione di un servizio. Ad esempio rende consapevoli gli utenti dei propri comportamenti energetici, consente di ottimizzare il funzionamento degli impianti o permette di individuare tempestivamente perdite di efficienza dell'edificioMisurare e visualizzare i consumi è un fattore decisivo per utilizzare meno e meglio l’energia disponibile.

All'inizio furono i consumi termici

Negli anni passati gli edifici condominiali con produzione centralizzata sono stati adeguati con sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione individuale dei consumi che consentono oggi una completa autonomia gestionale delle singole unità immobiliari. Contestualmente si è richiesto per legge (con il decreto legislativo n. 102 del 2014) di ripartire le spese di climatizzazione invernale, estiva e di produzione dell’acqua calda sanitaria in base a nuovi criteri che tenessero conto dei consumi effettivi. A questo scopo, è stata anche aggiornata una norma già esistente, la UNI 10200, che introduce i concetti di consumo volontario e involontario. Mediante l’impiego combinato dei due sistemi di termoregolazione e contabilizzazione, legislatore e normatore hanno cercato di incentivare i comportamenti virtuosi e di indurre gli utilizzatori a un uso più consapevole delle risorse energetiche, salvaguardando al tempo stesso un ottimo livello di comfort. Se prima il criterio di riparto delle spese era quasi sempre basato sui millesimi di superficie, oggi al centro dell’attenzione vi sono i consumi effettivi di ogni unità immobiliare. Inoltre, in passato ci si rendeva conto della spesa di riscaldamento solo quando l’esercizio era terminato e si riceveva il prospetto delle spese condominiali, quindi troppo tardi per modificare i propri comportamenti, mentre l’introduzione di contatori e contabilizzatori permette oggi di leggere i dati di consumo con una maggiore frequenza. 

  1. Il grande ritorno dell’elettricità: pompe di calore, impianti fotovoltaici, veicoli elettrici
  2. Il roll-out degli smart meter elettrici di seconda generazione
Remotizzare i dati di consumo diventa necessario

L’introduzione della termoregolazione e contabilizzazione individuale dei consumi termici negli edifici condominiali ha portato una riduzione negli sprechi di energia termica, ma è possibile fare ancora meglio, migliorando l’informazione all'utente finale. I contatori e i ripartitori di calore nascono infatti come strumenti di misura; si tratta quindi di apparecchi molto “tecnici" e poco adatti alla consultazione da parte dell’utente finale. In più, spesso sono installati in posizioni disagevoli all'interno di collettori di distribuzione se non addirittura nei locali tecnici. Per colmare questa lacuna, la recente direttiva 2018/2002/UE richiede che dal 2020 i contatori e contabilizzatori di calore di nuova installazione debbano essere leggibili da remoto. Successivamente, entro il 10 gennaio 2027, si dovranno equipaggiare della capacità di lettura da remoto anche i contatori e i contabilizzatori di calore già installati che ne sono sprovvisti o sostituire con dispositivi leggibili da remoto. Si tratta di un'interessante opportunità per gli impianti domotici che offrono già l’infrastruttura ideale per trasmettere e visualizzare i dati all'interno dell’edificio.

Conoscere i consumi termici per accedere all’Ecobonus domotica

Il ruolo fondamentale che la conoscenza dei consumi svolge per gli utenti finali degli edifici non è sfuggito al legislatore, quando si è trattato di predisporre il primo provvedimento nazionale d’incentivazione delle tecnologie domotiche. La particolare disposizione, che originariamente era stata introdotta con la Legge n. 208 del 2015, è nota comunemente anche come “Ecobonus domotica" ed è stata confermata dalla Legge di Bilancio promulgata alla fine dello scorso anno; è possibile portare in detrazione con un’aliquota del 65% quelle soluzioni di domotica che sono destinate ad aumentare l’efficienza dell’impianto termico e a informare gli utenti finali sui loro consumi. Non è un caso che l’Ecobonus domotica si concentri proprio su quelle parti d’impianto che sono tradizionalmente responsabili della maggior parte dei consumi di energia negli edifici residenziali: riscaldamento e produzione di acqua sanitaria valgono infatti mediamente l’80% dei consumi domestici di energia. 

Che cosa dice la Legge* a proposito dell’Ecobonus domotica?
Per le spese sostenute tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019, è prevista una detrazione per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative, finalizzati ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento più efficiente degli impianti. La detrazione spetta nella misura del 65% dell’intero importo speso. 
 
Questi dispositivi multimediali devono essere dotati di specifiche caratteristiche. In particolare:
 
  • devono consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto;
  • indicare, attraverso canali multimediali, i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati;
  • mostrare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti.
* Legge 30 dicembre 2018, n. 145: Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021 con richiamo della Legge n. 208 del 2015
 

Il provvedimento agevola, oltre alla fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature (elettriche, elettroniche e meccaniche), le opere elettriche e murarie necessarie per l’installazione e la messa in funzione all’interno degli edifici di sistemi di “building automation" per il controllo e monitoraggio degli impianti termici.

Dal monitoraggio dei consumi un contributo verso la sostenibilità degli edifici
Con il passare del tempo sempre più edifici sono sottoposti alla certificazione di sostenibilità: un’altra attività per la quale la conoscenza dei consumi dell’edificio è importante. Nello schema di certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), uno dei più diffusi a livello internazionale, si offrono ad esempio dei crediti nel caso l'edificio sia dotato di un sistema di rilevazione dei consumi e di feedback informativo verso gli utenti. Lo scopo principale è di incentivare gli utenti a ridurre i consumi energetici, grazie all'informazione fornita loro. Senza un'informazione tempestiva e comprensibile, infatti, raramente i comportamenti di consumo possono modificarsi. Ma gli stessi dati che sono forniti agli utenti possono anche essere trasmessi al sistema di automazione e controllo dell'edificio per razionalizzare l'uso delle risorse, aumentare l'efficienza energetica e ottimizzare la manutenzione degli impianti.
 

Visti di recente

Il miglioramento della prestazione energetica degli edifici
EKINEX LAB

Con il nuovo Decreto Legislativo 48/2020 vengono assimilati nelle norme italiane (principalmente nel dlgs 192/2005) alcuni principi ed alcune novità della direttiva UE 2018/844 sulla prestazione energetica di un edificio

Gio, 23 Luglio 2020
Controlla i tuoi dispositivi KNX Ekinex con la voce
EKINEX LAB

Per mezzo di un gateway, gli home speaker più diffusi possono essere interfacciati anche all’impianto domotico KNX di una smart home. Oltre ai comandi vocali, si può effettuare il controllo di Ekinex anche con le App offerte dagli OTT

Mer, 13 Novembre 2019